7 Posti Istruttore Tecnico Geometra – Comuni vari (VI)

Concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di sette posti di istruttore tecnico, geometra, categoria C, a tempo indeterminato

SCADE IL 6 SETTEMBRE 2019

(GU n.66 del 20-08-2019)

STRUTTORE TECNICO GEOMETRA - COMUNI DI SCHIO, VALDAGNO, MARANO VICENTINO, SOVIZZO, TEZZE SUL BRENTA, TORREBELVICINO (VI)
ISTRUTTORE TECNICO GEOMETRA – COMUNI DI SCHIO, VALDAGNO, MARANO VICENTINO, SOVIZZO, TEZZE SUL BRENTA, TORREBELVICINO (VI)

COMUNI DI SCHIO, VALDAGNO, MARANO VICENTINO, SOVIZZO, TEZZE SUL BRENTA, TORREBELVICINO

Concorso Pubblico

E’ indetto un concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di sette posti di istruttore tecnico, geometra, categoria giuridica C, a tempo indeterminato da destinare ai Comuni di Schio, Valdagno, Marano vicentino, Sovizzo, Tezze sul Brenta, Torrebelvicino.

Scadenza presentazione domande: ore 12,00 del giorno 6 settembre 2019.

Il bando integrale puo’ essere scaricato dal sito istituzionale dei comuni sopra indicati alla pagina amministrazione trasparente, bandi di concorso.

Per informazioni: telefono 0445/691132 dal lunedi’ al venerdi’ dalle ore 9,00 alle ore 13,00 – e-mail: personale@comune.schio.vi.it

Dettagli Del Concorso

    REQUISITI    

  • Avere età non inferiore ai 18 anni e non superiore ai limiti massimi previsti per il pensionamento
  • Essere cittadini italiani, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei Paesi dell’Unione europea secondo quanto previsto dall’art. 38 del D.lgs n. 165/2001
  • Godere dei diritti civili e politici
  • Non avere riportato condanne né avere procedimenti penali per reati che impediscono, ai sensi delle vigenti disposizioni, la costituzione del rapporto di impiego con una Pubblica Amministrazione
  • Essere in possesso del diploma di geometra (previgente ordinamento) oppure del diploma di istituto tecnico settore tecnologico indirizzo costruzioni ambiente e territorio (nuovo ordinamento) oppure di un titolo assorbente tra quelli di seguito elencati:
  • – laurea in architettura, ingegneria civile, ingegneria edile, ingegneria edile-architettura, ingegneria per l’ambiente e il territorio, pianificazione territoriale urbanistica e ambientale, urbanistica (diploma di laurea vecchio ordinamento)
  • – laurea triennale DM 509/1999 classe 4 (scienze dell’architettura e ingegneria civile), classe 7 (urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale) e classe 8 (ingegneria civile e ambientale)
  • – laurea triennale DM 270/2004 classi L-17 (scienze dell’architettura), L-23 (scienze e tecniche dell’edilizia), L-21 (scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale) e L-7 (ingegneria civile e ambientale)
  • – laurea specialistica DM 509/1999 classi 3/S (architettura del paesaggio), 4/S (architettura e ingegneria civile), 28/S (ingegneria civile), 38/S (ingegneria per l’ambiente e il territorio) e 54/S (pianificazione territoriale urbanistica e ambientale)
  • – laurea magistrale DM 270/2004 classi LM-3 (architettura del paesaggio), LM-4 (architettura e ingegneria civile-architettura), LM-23 (ingegneria civile), LM-24 (ingegneria dei sistemi edilizi); LM-26 (ingegneria della sicurezza), LM-35 (ingegneria per l’ambiente e il territorio) e LM-48 (pianificazione territoriale urbanistica e ambientale)
  • Per i titoli di studio conseguiti all’estero è richiesta la dichiarazione di equivalenza ai sensi della vigente normativa in materia ovvero la dichiarazione dell’avvio della richiesta di equivalenza del titolo posseduto al titolo richiesto dal bando con la procedura di cui all’art. 38 del D.lgs n. 165/2001 (sito web: http://www.funzionepubblica.gov.it/articolo/dipartimento/22-02- 2016/modulo-la-richiesta-dellequivalenza-del-titolo-di-studio-stranieri). Il possesso del titolo di studio espressamente richiesto non è derogabile
  • Aver ottemperato agli obblighi di leva o alle disposizioni di legge sul reclutamento
  • Non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero dichiarati decaduti da un impiego pubblico, ai sensi dell’art. 127 – 1° comma, lettera d) – del Decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3 o licenziati per violazioni disciplinari
  • Possedere idoneità psico-fisica all’impiego (l’Amministrazione sottoporrà a visita medica il vincitore del concorso prima dell’immissione in servizio). Data la particolare natura dei compiti che la posizione di lavoro implica, ai sensi dell’art. 1 della legge 28 marzo 1991, n. 120 la condizione di privo della vista o ipovedente comporta inidoneità fisica specifica alle mansioni proprie del profilo professionale per il quale è bandito il concorso
  • Essere in possesso della patente di guida categoria B o superiore
  • I cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea o loro familiari o cittadini di Paesi terzi devono inoltre possedere anche i seguenti requisiti:
  • – godere dei diritti civili e politici anche nello Stato di appartenenza o di provenienza
  • – essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica
  • – avere adeguata conoscenza della lingua italiana
    LINK UTILI    

Consulta il Bando Completo sulla Gazzetta Ufficiale

Visualizza i Dettagli sul sito del Comune di Valdagno

Scarica il Bando del Concorso

Scarica Istruzioni per la Compilazione del Modulo di Domanda

Scarica Domanda in formato edittabile

Questo articolo potrebbe interessare ad uno dei tuoi amici. CONDIVIDI su Facebook!