23 Posti Agente di Polizia Municipale – Comune di Prato

Concorso pubblico, per esami, per la copertura di ventitre’ posti di agente di polizia municipale, categoria C, a tempo pieno.

SCADE IL 3 NOVEMBRE 2019

(GU n.79 del 04-10-2019)

POLIZIA MUNICIPALE - AGENTE - COMUNE DI PRATO
POLIZIA MUNICIPALE – AGENTE – COMUNE DI PRATO

COMUNE DI PRATO

Concorso Pubblico

E’ indetto concorso pubblico, per esami, per la copertura di ventitre’ posti con contratto di formazione e lavoro, a tempo pieno, nel profilo di agente di polizia municipale (categoria C, posizione economica 1) e con la riserva di cui all’art. 1014, comma 1, lett. b) e di cui all’art. 678, comma 9 del decreto legislativo n. 66/2010.

Le domande possono essere presentate entro trenta giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – del presente avviso. Il bando e’ integralmente pubblicato sul sito web del Comune di Prato all’indirizzo www.comune.prato.it/lavoro/

Dettagli Del Concorso

    REQUISITI    

  • Cittadinanza italiana
  • Età compresa tra i 18 anni compiuti e i 32 anni non compiuti alla data di scadenza del bando

  • Idoneità fisica, psichica e attitudinale all’impiego e quindi alle mansioni proprie del profilo professionale da rivestire col possesso dei seguenti requisiti:

  • – requisiti psicofisici minimi per il rilascio ed il rinnovo per l’autorizzazione al porto di fucile per uso di caccia e al porto d’armi per uso difesa personale previsti dal D.M. 28.4.1998

    – visus naturale 18/20 complessivi, con non meno di 8/10 nell’occhio che vede meno; correzione: il visus di cui sopra è raggiungibile con qualsiasi correzione purché tollerata e con una differenza tra le due lenti non superiore alle tre diottrie; lenti a contatto: sono ammesse purché il visus di 8/10 complessivi sia raggiungibile anche con normali occhiali

    – astigmatismo regolare, semplice o composto, miopico ed ipermetrope: 2 diottrie quale somma dell’astigmatismo miopico ipermetrope in ciascun occhio

    – normalità del senso cromatico e luminoso

    – normalità della funzione uditiva sulla base di un esame audiometrico tonaleliminare

    – assenza di disturbi apprezzabili della comunicazione (come la disartia e le alterazioni della fonazione

    – assenza di dismetabolismi di grave entità (come il diabete e le dislepidemie) che possono limitare l’impiego nelle mansioni in circostanze particolari (condizioni climatiche sfavorevoli, orari notturni)

    – assenza di endocrinopatie di rilevanza funzionale (ipertiroidismo, etc.) con potenziali alterazioni comportamentali e cardio vascolari

    – assenza di infermità e imperfezioni dell’apparato cardio-circolatorio e/o respiratorio

    – assenza di malattie sistemiche del connettivo (artrite reumatoide, etc.)

    – adeguata capacità funzionale dei quattro arti e della colonna vertebrale, assenza di obesità patologica e di nanismo

    – assenza di patologie tumorali che causino limitazioni funzionali rilevanti

    – assenza di patologie infettive che siano accompagnate da gravi e persistenti compromissioni funzionali

    – assenza di alterazioni della funzionalità e della dinamica respiratoria di marcata entità

    – non trovarsi in condizione di disabilità ai sensi dell’art. 1 della L. n. 68/1999


  • Diploma di maturità
  • Per i candidati che hanno conseguito il titolo in altro paese dell’Unione Europea, la sussistenza dell’equipollenza del titolo di studio posseduto avrà luogo ai sensi dell’art. 38, comma 3, del D. Lgs. 30/3/2001 n. 165. I titoli di studio dovranno essere accompagnati da una traduzione in lingua italiana effettuata da un traduttore pubblico in possesso del necessario titolo di abilitazione. Per i candidati che hanno conseguito il titolo di studio presso un’istituzione scolastica estera (in Paesi non appartenenti all’UE), il titolo sarà considerato valido se dichiarato equipollente attraverso idonea certificazione rilasciata dalle competenti autorità oppure se riconosciuto automaticamente equipollente in base agli accordi internazionali ad uno dei titoli di studio prescritti per l’accesso

  • Non essere esclusi dall’elettorato politico attivo
  • Non aver riportato provvedimenti di destituzione o dispensa dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento e non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale ai sensi dell’art. 127, 1° comma, lett. d) del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato approvato con D.P.R. n. 3 del 10.1.1957 nonché non essere stati dichiarati interdetti o sottoposti a misure tali che escludano dalla nomina agli impieghi presso enti pubblici ovvero non essere stati licenziati ai sensi delle normative vigenti in materia disciplinare
  • Non aver subito condanne penali e non aver procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto d’impiego con la Pubblica Amministrazione o comportino il licenziamento o che comportino l’impossibilità a ricoprire il posto di Agente di P.M.
  • Non essere stati condannati anche con sentenza non passata in giudicato, per i reati previsti nel Capo I del Titolo II del Libro I del Codice Penale nonché non aver riportato condanne per uno dei reati di cui all’art. 25 bis del D.P.R. 313/2002
  • Posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva per i candidati di sesso maschile nati entro il 31.12.1985 ai sensi dell’art. 1 L. 23.8.2004 n. 226


  • Assenza di impedimenti al porto o all’uso delle armi, non essere obiettori di coscienza, ovvero non essere contrari al porto o all’uso delle armi ed in particolare:
  • – per coloro che sono stati ammessi al servizio civile come obiettori: essere collocati in congedo da almeno cinque anni e aver rinunciato definitivamente allo status di obiettore di coscienza, avendo presentato dichiarazione presso l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile, così come previsto dall’art.1, comma 1 della Legge 2.8.2007, n.130

    – assenza di impedimenti e/o elementi ostativi al porto ed uso dell’arma derivanti da norme di legge o regolamento ovvero da scelte personali

    – espressa disponibilità al porto e all’uso dell’arma, essendo previsto che i neoassunti svolgano le loro mansioni in servizio armato



  • Possesso dei requisiti occorrenti per il conseguimento della qualifica di Agente di Pubblica Sicurezza di cui all’art. 5 – comma 2 – della Legge n. 65/1986 (godimento dei diritti civili e politici, non aver subito condanne a pena detentiva per delitto non colposo o non essere stati sottoposti a misura di prevenzione; non essere stati espulsi dalla forze armate o dai corpi militarmente organizzati o destituiti dai pubblici uffici)
  • Essere titolari di patente di guida di categoria B, non speciale
  • Espressa disponibilità alla conduzione dei veicoli in dotazione al Corpo di Polizia Municipale


  • Essere titolare di patente di guida non speciale per motocicli secondo lo schema seguente:
  • – categoria A2 , se l’età posseduta è tra i 18 e i 20 anni compiuti

    – categoria A, se l’età posseduta è di almeno 20 anni e non più di 24 anni e l’interessato è stato titolare della patente categoria A2 per almeno 2 anni

    – categoria A se l’interessato ha compiuto 24 anni



  • Dichiarare di essere nelle condizioni di poter conseguire la patente di guida di categoria A inderogabilmente entro e non oltre il termine di 11 mesi dalla stipula del contratto di formazione e lavoro, e impegnarsi a conseguire la patente di guida di categoria A entro lo stesso termine a pena di esclusione dalla eventuale trasformazione del contratto di formazione e lavoro in contratto a tempo indeterminato.
    LINK UTILI    

Consulta il Bando Completo sulla Gazzetta Ufficiale

Visualizza i Dettagli sul sito del Comune

Scarica il Bando del Concorso

Questo articolo potrebbe interessare ad uno dei tuoi amici. CONDIVIDI su Facebook!