12 Posti Istruttore Educativo – Scuole dell’Infanzia – Comune di Trieste

Selezione pubblica, per soli esami, per la copertura di dodici posti di istruttore educativo, scuole dell’infanzia, categoria C, a tempo pieno ed indeterminato.

SCADE IL 7 NOVEMBRE 2019

(GU n.86 del 29-10-2019)

ISTRUTTORE EDUCATIVO - SCUOLE DELL'INFANZIA - COMUNE DI TRIESTE
ISTRUTTORE EDUCATIVO – SCUOLE DELL’INFANZIA – COMUNE DI TRIESTE

COMUNE DI TRIESTE

Selezione Pubblica

E’ indetta selezione pubblica, per soli esami, per la copertura di dodici posti, a tempo pieno ed indeterminato, di istruttore educativo, scuole dell’infanzia, categoria C, aperta con determinazione della dirigente del servizio risorse umane n. 2689 del 4 ottobre 2019.

Si rimanda all’avviso di selezione per i requisiti specifici richiesti per l’accesso, per il numero dei posti riservati ai sensi della legge n. 68/1999 e del decreto legislativo n. 66/2010, nonche’ per la modalita’ di pagamento della tassa di concorso, compilazione e presentazione della domanda. Il candidato deve inoltrare la domanda di partecipazione alla selezione esclusivamente in via telematica.

Scadenza presentazione delle domande: 7 novembre 2019, ore 12,00. Calendario prove: prova scritta 25 febbraio 2020, ore 10,00, c/o PalaTrieste (PalaRubini Allianz Dome), via Flavia n. 3 – Trieste.

L’avviso e’ scaricabile dal sito internet www.comune.trieste.it – sezione Bandi e Concorsi – Concorsi.

Dettagli Del Concorso

    REQUISITI    

  • Cittadinanza italiana. Sono equiparati ai cittadini italiani, gli italiani non appartenenti alla Repubblica. Tale requisito non è richiesto per i cittadini degli Stati membri dell’Unione europea e i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro UE che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente e ai cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria. Ai fini dell’accesso, devono inoltre possedere i seguenti requisiti:
  • – godere dei diritti Bolitici e civili anche negli Stati di appartenenza o di provenienza

    – essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica

    – avere adeguata conoscenza della lingua italiana da accertare nel corso dello svolgimento della prova di esame


  • Idoneità alla mansione specifica ai sensi dell’art. 4l del D. Lgs. 8l/2008. L’Amministrazione sottoporrà a visita medica di controllo i soggetti da assumere in base alla normativa vigente. L’accertamento medico verrà operato dal medico di fiducia dell’Amministrazione al fìne di accertare I’idoneità alla mansione specifica. L’eventuale accertamento d’idoneità alla mansione specifica relativo a soggetti disabili di cui all’art.l della legge 12 marzo 1999 n. 68, è disposto conformemente alle vigenti disposizioni in materia. Ai sensi di quanto previsto dalla legge l20l9l si precisa che il requisito della vista è essenziale per il profilo che interessa e pertanto non sono ammessi al concorso i privi della vista
  • Godimento dei diritti civili e politici (non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo)
  • Età non inferiore agli anni l8 e non superiore all’età di 65 anni costituente il limite ordinamentale (art. l2 L. n.70175 confermato dall’art.24 del D.L. n.20ll20l I convertito nella L. n.2l4l20ll)


  • Possesso di uno dei seguenti titoli di studio (in alternativa):
  • – diploma di laurea in scienze della formazione primaria indirizzo scuola materna/sc dell’infanzia avente valore abilitante

    – diploma di laurea magistrale quinquennale a ciclo unico in scienze della formazione primaria (classe LM-85 bis)

    Oppure:

    Uno dei seguenti diplomi conseguiti a seguito di corsi iniziati entro I’anno scolastico 199711998 e comunque conseguiti entro I’anno scolastico 2001 12002 (art. 2 Decreto Ministeriale l0 marzo tee7):

    – diploma di abilitazione all’insegnamento nelle scuole del grado preparatorio conseguito presso le Scuole Magistrali (compresi i diplomi conseguiti a seguito dei corsi sperimentali); diploma di maturità (quadriennale o quinquennale) conseguito presso gli lstituti Magistrali (compresi i diplomi conseguiti a seguito dei corsi sperimentali, anche ad indirizzo linguistico)

    Oppure:

    – possesso dell’abilitazione specifica all’insegnamento nelle scuole dell’infanzia, conseguita con il superamento di un concorso o di un esame anche ai soli fini abilitativi o di idoneità. L’ idoneità o I’abilitazione all’insegnamento conseguite in uno degli Stati dell’Unione europea devono essere riconosciute con prowedimento direttoriale, ai sensi delle direttive comunitarie 89/48 C.E.E. e92l5l C.E.E., recepite nei decreti legislativi n. ll5 del 27lll1997 e n.319 del 21511994


    Per i candidati cittadini di uno degli Stati membri dell’Unione europea, per i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro UE che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente e per i cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria, è richiesta I’equipollenza del titolo conseguito all’estero; in alternativa, la verifica dell’equivalenza del titolo di studio posseduto avrà luogo ai sensi dell’art. 38, comma 3, del decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165

  • Conoscenza della lingua inglese e della materia informatica; solo per i candidati che intendono concorrere per le sezioni con lingua d’insegnamento slovena, conoscenza della lingua slovena
  • (ulteriore requisito solo per i candidati che intendono concorrere per le sezioni con lingua d’insegnamento slovena) possesso di un titolo di abilitazione all’insegnamento nelle scuole con lingua d’insegnamento slovena conseguito presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria ndirizzo scuola materna/scuola dell’infanzia avente valore abilitante o presso i corsi di laurea magistrale quinquennale a ciclo unico in scienze della formazione primaria (classe LM-85 bis) ovvero diploma di abilitazione all’insegnamento nelle scuole del grado preparatorio conseguito entro I’anno scolastico 2001 12002 presso le Scuole Magistrali con lingua d’insegnamento slovena (compresi i diplomi conseguiti a seguito dei corsi sperimentali) ovvero diploma di maturità (quadriennale o quinquennale) conseguito entro I’anno scolastico 2001 12002 presso gli lstituti Magistrali con lingua d’insegnamento slovena (compresi i diplomi conseguiti a seguito dei corsi sperimentali, anche ad indirizzo linguistico) ovvero specifica abilitazione all’insegnamento nelle scuole con lingua d’insegnamento slovena
  • (ulteriore requisito solo per i candidati che intendono concorrere per i posti di sostegno) possesso del titolo di specializzazione di cui all’art. 8 del D.P.R. 3lll0l75 n. 970 ovvero all’art. 325 del D.Lvo l6 aprile lgg4, n.297 ovvero previsto dal Decreto M.U.R.S.T. 26 maggio 1998 emanato di concerto con il Ministero della Pubblica lstruzione, ovvero conseguito ai sensi del D.M. 24 novembre 1998, ovvero ai sensi del D.M. n.287 del 30 novembre 1999 o ai sensi del D.M . n.2l del 9 febbraio 2005 o ai sensi del D.M. n. 249 del l0 settembre 2010 o ai sensi del D.M. del 30 settembre 201 I o ai sensi del D.M. n.948 del I dicembre 2016 del medesimo Ministero
  • Posizione regolare rispetto agli obblighi di leva, per i soggetti a tale obbligo
  • Non aver a proprio carico sentenze definitive di condanna o prowedimenti definitivi di misure di prevenzione o procedimenti penali in corso, nei casi previsti dalla legge come causa di Iicenziamento, ovvero, assenza di condanne penali o prowedimenti definitivi di misure di prevenzione o procedimenti penali in corso che possano costituire impedimento all’instaurazione e/o mantenimento del rapporto di lavoro dei dipendenti della pubblica amministrazione

  • ln caso di condanne penali (anche nel caso di applicazione della pena su richiesta, sospensione condizionale, non menzione, amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale) o di procedimenti penali pendenti, salvo i casi stabiliti dalla legge per le tipologie di reato che escludono I’ammissibilità all’impiego, I’Amministrazione’Comunale si riserva di’valutare tale ammissibilità, tenuto conto del titolo del reato, con riferimento alle mansioni connesse con la posizione di lavoro dell’assumendo, del tempo trascorso dal commesso reato, della sussiscenza dei presupposti richiesti dalla legge per I’ottenimento della riabilitazione
    LINK UTILI    

Consulta il Bando Completo sulla Gazzetta Ufficiale

Visualizza i Dettagli sul sito del Comune

Scarica il Bando del Concorso

Scarica Determina

Scarica Linee Guida – Istanze

Questo articolo potrebbe interessare ad uno dei tuoi amici. CONDIVIDI su Facebook!