11 Posti Dirigente – ARPA Piemonte


Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di undici posti di dirigente, a tempo pieno ed indeterminato

SCADE IL 27 Febbraio 2020

(GU n.8 del 28-01-2020)

DIRIGENTE - ARPA PIEMONTE
DIRIGENTE – ARPA PIEMONTE

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL PIEMONTE

Concorso Pubblico

Il direttore generale dell’ARPA Piemonte ha indetto un concorso pubblico per titoli ed esami, per la copertura a tempo pieno e indeterminato di undici posti di dirigente.

Il testo integrale del bando di concorso, i requisiti per partecipare e il modulo della domanda sono disponibili nel sito istituzionale dell’ente http://www.arpa.piemonte.it/

Il termine di scadenza per la presentazione delle domande e’ fissato in trenta giorni decorrenti dal giorno successivo a quello di pubblicazione del presente avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami».

Dettagli Del Concorso

    REQUISITI    

  • Cittadinanza italiana, fatte salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei paesi dell’Unione Europea. I cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea devono possedere, ai fini dell’accesso ai posti della pubblica amministrazione i seguenti requisiti:
  • – godere dei diritti civili e politici anche negli stati di appartenenza o provenienza

    – essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica

    -avere adeguata conoscenza della lingua italiana


  • Idoneità fisica all’impiego. L’accertamento dell’idoneità fisica all’impiego – con l’osservanza delle norme in materia di categorie protette – è effettuato, a cura dell’Agenzia, prima dell’immissione in servizio. Il personale dipendente da pubbliche amministrazioni è dispensato dalla visita medica, fatti salvi gli accertamenti dell’idoneità fisica alla mansione, ai sensi dell’art. 1 del D.P.R..483/1997 e s.m.i.
  • Godimento dei diritti civili e politici
  • Non essere stato destituito o dispensato dal servizio presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento e non essere decaduto dall’impiego per avere conseguito la nomina mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile o avere rilasciato dichiarazioni sostitutive di atti o fatti, false
  • Posizione regolare nei confronti degli obblighi militari
  • Non aver riportato condanne penali incompatibili con lo status di pubblico dipendente
  • Possesso di Laurea Magistrale. I Diplomi di Laurea del vecchio ordinamento e le Lauree Specialistiche verranno considerate valide per l’ammissione
  • Informazioni relative alle equipollenze ed alle equiparazioni sono reperibili al link ministeriale: https://www.miur.gov.it/web/guest/equipollenze-ed-equiparazioni-tra-titoli-accademici-italiani1
  • Servizio di ruolo presso pubbliche amministrazioni, per un periodo pari ad almeno cinque anni, svolti in profili professionali di categoria D e/o Ds, in ambiti, discipline o attività di natura tecnico-ambientale, attinenti ai compiti istituzionali di ARPA, per l’accesso ai quali è richiesto il possesso del diploma di laurea/laurea magistrale/laurea specialistica

  • Sono altresì ammessi:

    – I soggetti che abbiano ricoperto incarichi dirigenziali in amministrazioni pubbliche e strutture private per un periodo non inferiore a cinque anni, operanti in ambiti di competenze e discipline attinenti ai compiti istituzionali di ARPA, con mansioni di natura tecnico-ambientale per l’accesso ai quali è richiesto il possesso del diploma di laurea/laurea magistrale/laurea specialistica

    – Ai sensi dell’art. 26 del D.Lgs. 165/01, l’ammissione è altresì consentita ai candidati in possesso di esperienze lavorative per un periodo non inferiore a cinque anni con rapporto di lavoro libero-professionale o di attività coordinata e continuata presso enti o pubbliche amministrazioni, ovvero attività documentate presso studi professionali privati, società o istituti di ricerca, aventi contenuto analogo a quello previsto per il profilo a concorso


  • Abilitazione all’esercizio professionale, ove prevista dai rispettivi ordinamenti
  • I candidati che hanno conseguito il titolo di studio all’estero devono essere in possesso e devono presentare il provvedimento di riconoscimento o di equiparazione previsto dalla vigente normativa
    LINK UTILI    

Consulta il Bando Completo sulla Gazzetta Ufficiale

Visualizza i Dettagli sul sito dell’ARPA Piemonte

Scarica il Bando del Concorso

Questo articolo potrebbe interessare ad uno dei tuoi amici. CONDIVIDI su Facebook!